foto (2)Il coaching di successo, secondo noi, ha bisogno di aderire ad alcune linee guida fondamentali:
? Deve dare importanza all’apprendimento e alla crescita personale/professionale del coachee, non solo come fattore indispensabile per l’accrescimento del proprio valore, ma anche come fattore di successo nel business e nel contesto socio-organizzativo.
? Deve dare attenzione ad una formazione personalizzata e individuale, centrata sulle esigenze specifiche del singolo, a partire da una diagnosi sulle sue caratteristiche (conoscenze, capacità, metacapacità), che sempre più spesso coinvolge la persona stessa in termini di autoconsapevolezza.
? Il coaching è un apprendimento fatto di tappe, di incontri cadenzati formali ed informali, di verifiche e prove, di feedback, di auto-formazione, di supporti nella quotidianità, di mix di leve e di occasioni da attivare.
? È fondamentale che la relazione (tra coach e coachee) sia di tipo supportivo, di fiducia ed empatia, costruita intorno alla capacità di ascolto attivo, e misurata sulla nascita di consapevolezze non imposte, ma fatte maturare.
? Il coaching è un contratto psicologico diverso tra chi insegna e chi apprende, dove il ruolo di quest’ultimo è molto più attivo e self-committed, e il ruolo del primo più aperto e disponibile, ma anche più rigoroso e professionale.
? Il coaching deve sempre promuovere il miglioramento personale delle persone rendendole flessibili al contesto organizzativo e mettendole in grado di accettare le sfide organizzative e ambientali.
? Il coaching deve sempre incrementare la personalità compatta del coachee.

Per avere ulteriori informazioni contattaci a: info@gruppocs.org